Alterazioni della massa magra nella dieta ipocalorica
 

Articolo originariamente pubblicato in due parti su vivereinforma.it il 23 maggio 2014, poi sintetizzato nell’articolo Mantenimento della massa muscolare nella dieta ipocalorica.

Secondo quanto stabilito nella letteratura scientifica, il metodo ottimale per attuare la perdita di peso è il modello in cui la massa grassa viene persa e la massa magra (FFM o LBM) viene mantenuta (1, 2, 3, 4).

La preservazione della massa magra fornisce molti vantaggi durante la perdita di peso, come il mantenimento del metabolismo basale (BMR), il controllo glicemico, l’ossidazione dei lipidi (1, 5) e la prevenzione del riacquisto di peso (3).

La perdita di massa magra nel percorso ipocalorico invece si riflette su un peggioramento nella gestione della perdita di peso (4, 6), su una maggiore esposizione ad infortuni, e su un peggioramento della performance negli sportivi (4).

Poiché la massa muscolare scheletrica è l’unica parte della FFM che può essere significativamente alterata, i due termini vengono spesso usati, seppur impropriamente, come sinonimi (7). Peraltro, è stato proposto che il dispendio energetico legato al metabolismo del muscolo scheletrico sia l’unica componente del BMR che può variare considerevolmente, grazie alla sua possibilità di subire delle variazioni significative, al contrario di quanto non accadrebbe per gli altri tessuti e organi (5). In realtà, con forti variazioni di peso e grasso corporeo può variare anche l’attività metabolica di altri organi (8), anche se sembra che normalmente ciò avvenga in maniera minima (5).

Il muscolo scheletrico ha un’attività metabolica specifica piuttosto bassa, di appena 13 kcal/kg (ad esempio, contro le 200 kcal/kg di fegato, cervello e polmoni) (9). Pur avendo una spesa energetica specifica molto ridotta, questo tessuto è anche il più esteso del corpo, costituendo nell’uomo circa il 40% del peso corporeo (in media, 30 kg) (9). Per questi motivi, la spesa energetica complessiva o assoluta per il suo mantenimento, turnover o accrescimento, può arrivare a coprire il 25% del BMR, e la percentuale aumenta in condizioni di attività fisica (10), confermando quanto il metabolismo sia sensibile alle variazioni della FFM. Per questi ed altri motivi, la preservazione o l’aumento del tessuto muscolare è stato considerato un fattore di protezione dall’obesità, dalle malattie metaboliche e da altre patologie (5).

È importante precisare che la FFM può essere distinta a sua volta in massa magra essenziale e non essenziale, e le sue alterazioni possono essere provocate anche dalle sole variazioni del contenuto di glicogeno, acqua, e altri tessuti non muscolari (2, 8). Di conseguenza, le variazioni della FFM non sempre e non necessariamente sono correlate alle variazioni della massa proteica muscolare, o della massa proteica miofibrillare. In alcuni casi l’aumento della massa magra può essere caratterizzato anche dall’accrescimento di tessuti non muscolari come le ossa e il tessuto connettivo (11), in altri può essere perlopiù dovuto ad un aumento dell’acqua corporea più che dalla massa proteica (8, 12), e coinvolge innumerevoli altre componenti cellulari.

Comunque, il metabolismo specifico della FFM tende ridursi in proporzione all’aumento del suo peso, semplicemente perché, dove gli incrementi di peso vengono apportati dall’aumento di acqua e minerali, l’attività metabolica basale rimane costante o aumenta in maniera marginale (8). Sebbene spesso non venga fatta distinzione tra le variazioni della massa magra (potenzialmente dovute anche al solo spostamento dei fluidi corporei) e le variazioni della massa proteica muscolare, è importante riconoscere questa possibilità, senza considerare necessariamente gli aumenti della FFM un fenomeno positivo in termini di attività metabolica e spesa energetica.

Risparmio della massa magra nella dieta ipocalorica

È ben noto che per garantire un’efficiente riduzione della massa grassa sia necessario attuare una restrizione energetica (dieta ipocalorica) (13,14) e aumentare l’apporto proteico rispetto ai livelli basali per coprire l’aumentato fabbisogno richiesto (1, 15, 16). Ciò significa che in queste condizioni l’apporto proteico debba risultare superiore alle quantità minime suggerite dal RDA (>0.8 g/kg/die) (1, 4, 15) e il rapporto tra l’apporto totale di macronutrienti e i livelli di attività fisica debba risultare tale da rendere il bilancio calorico negativo (4, 13, 14).

L’aumento dell’apporto proteico (>0.8 g/kg/die) nella dieta ipocalorica permette di mantenere la massa muscolare e il metabolismo basale (1, 17), e nel complesso, di migliorare la perdita di grasso (17, 18, 43). Alcuni documenti riconoscono che, nei soggetti obesi non sottoposti ad esercizio fisico, sotto regimi fortemente ipocalorici (VLCD, Very Low Calorie Diet) sia richiesto un introito proteico di 1.5 g/kg (quasi il doppio del RDA) per limitare la perdita di massa magra (19, 20, 21). Altri risultati su obesi sotto forte restrizione calorica rilevano effetti soddisfacenti con assunzioni proteiche più moderate, di 1.2 g/kg, garantendo comunque un migliore mantenimento della FFM e del metabolismo basale rispetto alle quantità minime di 0.8 g/kg (17).

Capitolo a parte meritano gli sportivi, categoria che necessita di apporti proteici ben superiori al soggetto medio anche solo in condizioni normocaloriche (4, 5). Dati generali indicano che durante la perdita di peso indotta dalla restrizione calorica, circa il 75% del peso perso è rappresentato dalla massa grassa e circa il 25% dalla massa magra (22, 23, 24). Queste stime però, sono piuttosto approssimative, perché non tengono conto di molte variabili che possono alterare le variazioni della composizione corporea nella dieta ipocalorica, come:

  • il livello di massa grassa iniziale;
  • il livello di restrizione (deficit) calorica e il bilancio calorico;
  • le proporzioni dei macronutrienti e l’apporto proteico;
  • l’eventuale esercizio fisico e il tipo di esercizio fisico;

L’influenza della massa grassa

I soggetti sovrappeso/obesi possiedono più grasso, ma sono anche dotati mediamente di una maggiore massa magra rispetto alle persone normopeso (25). Questo può essere correlato al fatto che l’iperalimentazione (dieta ipercalorica) abbia la capacità di aumentare la massa magra rispetto ai valori iniziali senza esercizio fisico (26, 27, 28, 29); in un contesto ipercalorico, la massa magra ha dimostrato un ulteriore accrescimento, sia con un ulteriore aumento delle calorie (a proteine pareggiate) (28), sia con un ulteriore aumento delle proteine alimentari (a calorie pareggiate) (29).

Durante il digiuno prolungato, il catabolismo del muscolo scheletrico consente di mantenere stabile l’aminoacidemia; i soggetti obesi sono capaci di mantenere l’aminoacidemia nella norma per più tempo dei soggetti normopeso, anche dopo 60 giorni di digiuno (30), riflettendo le maggiori scorte proteiche. L’aspetto più rilevante è che durante una severa restrizione calorica, gli obesi subiscono generalmente una minore perdita di proteine grazie alle maggiori scorte di grasso come combustibile alternativo rispetto ai soggetti più magri (31). È stata di conseguenza stabilita l’esistenza di una relazione curvilineare inversa tra i livelli di grasso iniziali e la proporzione di peso perso rappresentata dalla massa magra (32).

Riassumendo, durante la restrizione calorica il grasso funge da protettore della massa magra; pertanto i soggetti in partenza più grassi, a parità di condizione dietetica, non solo presentano una massa magra mediamente maggiore in partenza, ma nelle situazioni a rischio subiscono un’inferiore perdita di massa magra rispetto ai soggetti più magri. Ciò potrebbe significare che in condizioni ipocaloriche, inferiore è la massa grassa di un soggetto, e più le proteine alimentari e le calorie assumono un’importanza decisiva per mantenere o attenuare la perdita del muscolo scheletrico.

Se per un soggetto obeso non sportivo 1.2 g/kg di proteine nella dieta fortemente ipocalorica possono essere sufficienti per limitare la riduzione della FFM e del BMR (17), per un soggetto magro non sportivo le richieste proteiche potrebbero facilmente essere superiori. Gli atleti richiedono normalmente assunzioni proteiche piuttosto aumentate rispetto al fabbisogno minimo del sedentario (4, 5) (1.2-2 g/kg). Se questi presentano anche una massa grassa molto ridotta, sotto regime ipocalorico possono necessitare di apporti proteici molto elevati, oltre a mantenere un deficit calorico più moderato, per mantenere o limitare la perdita della muscolatura e della prestazione.

L’influenza del livello di deficit calorico

Un altro degli aspetti principali nel determinare le alterazioni della massa magra nella dieta ipocalorica è il livello di deficit calorico (33). L’apporto calorico viene riconosciuto, assieme all’apporto proteico di per sé, come uno nei principali modulatori del bilancio azotato, e quindi del fabbisogno proteico (34, 35). Questo indica che anche i carboidrati e i grassi hanno un ruolo nel mantenimento della massa magra nel contesto ipocalorico (secondo alcune evidenze, i carboidrati avrebbero un’importanza maggiore rispetto ai grassi – 36, 37). Anche se forti restrizioni energetiche croniche possono velocizzare il processo di dimagrimento, sembra che il corpo sia limitato nella quantità di grasso di cui si può liberare senza una perdita di proteine corporee (38). Ciò significa che nonostante una grande restrizione calorica cronica favorisca una perdita di grasso più rapida, più facilmente può penalizzare il risparmio della massa magra.

La riduzione della massa magra dovuta allo scarso apporto calorico è strettamente connessa con l’attività metabolica, poiché, come detto, la massa magra è un importante predittore del metabolismo basale (39). Assunzioni caloriche eccessivamente basse determinano infatti anche una riduzione del metabolismo basale che rallenta la perdita di grasso (2, 40), e anche in questo caso il decremento è dipendente dall’entità della restrizione calorica (2). Alcuni risultati su obesi ad esempio hanno verificato che, passando da una dieta da 1120 kcal a una da 440 kcal, il metabolismo basale dei pazienti diminuisse di 2 volte in 5 settimane (41). Secondo alcune evidenze, un deficit calorico cronico di 1000 kcal sembrerebbe essere la soglia per abbassare il metabolismo (42).

Questi dati però, possono facilmente risultare approssimativi, perché ciò può dipendere anche dalle proporzioni dei macronutrienti distribuite all’interno dell’apporto calorico. Più proteine in condizioni di restrizione energetica più marcata potrebbero garantire un maggiore risparmio o un mantenimento della massa magra e del metabolismo basale (17) rispetto a diete in cui la restrizione energetica è inferiore ma l’apporto proteico risulta insufficiente (43). Questo lascia intendere che non sono solo le calorie generali ad incidere sul bilancio azotato, ma anche la frazione calorica rappresentata dalle proteine alimentari (44).

È importante sottolineare che queste considerazioni valgono nel contesto della restrizione calorica cronica, ma non a breve termine. Ad esempio, è ben noto che il metabolismo basale aumenta nel digiuno a breve termine (36-48 ore) (45, 46); mentre esiste la possibilità che la massa magra possa essere sensibilmente meno compromessa con singole giornate di forte restrizione calorica (deficit del 75%) alternate a giornate di alimentazione ad libitum (digiuno intermittente), rispetto a restrizioni caloriche, forti o moderate, mantenute cronicamente (47).

Riassumendo queste informazioni, quando si dice che la massa magra e il metabolismo basale vengono compromessi sotto restrizione energetica, bisogna anche valutare il livello di deficit raggiunto, in quanto maggiore è la restrizione in rapporto al livello di mantenimento (su questo incide in negativo anche l’attività fisica) e maggiore può essere il rischio di ridurre la massa magra e il metabolismo basale. Ciò è dovuto al fatto che non solo le proteine alimentari condizionano il bilancio azotato, ma anche le calorie apportate dagli altri macronutrienti; sotto regime ipocalorico, maggiori sono le calorie in relazione ai livelli di mantenimento (ovvero, minore è il deficit), e maggiore è probabilità di preservare o limitare la riduzione della massa magra e del metabolismo basale.

Sembra che il massimo livello di restrizione energetica per prevenire queste perdite, in termini molto indicativi, ammonti a un deficit di circa 1000 kcal. Tuttavia queste stime non sarebbero da prendere alla lettera a causa di altri fattori estremamente condizionanti, prevalentemente la componente proteica. Inoltre, è necessario valutare entro quale termine si verificano queste modificazioni, perché i risultati variano significativamente in dipendenza di modificazioni alimentari acute o croniche.

L’influenza delle proporzioni dei macronutrienti e della componente proteica

Un altro potenziale errore di impostazione della dieta ipocalorica potrebbe essere quello di non considerare importanti le proporzioni dei macronutrienti all’interno dell’apporto calorico totale. Come detto, ai fini del risparmio della massa muscolare nella dieta ipocalorica l’apporto proteico viene considerato un aspetto critico (1,2,4, 15). Ciò significa che a parità di apporto calorico, diete ipocaloriche dalle diverse proporzioni di macronutrienti – in particolare della componente proteica – portano a risultati differenti in termini di composizione corporea (43) e di metabolismo basale e totale (48). In condizioni ipocaloriche l’aumento dell’apporto proteico rispetto ai livelli minimi suggeriti dal RDA (>0.8 g/kg/die) è infatti necessario per consentire un risparmio della massa magra (1, 2, 3, 4, 15, 43). È stato proposto che la perdita di muscolo scheletrico sia il fattore che contribuisce maggiormente alla riduzione del metabolismo basale (49) e che lo scarso apporto proteico sia una causa della soppressione del metabolismo durante i regimi fortemente ipocalorici (50).

Secondo alcuni dati, fornendo proteine alimentari durante il digiuno il catabolismo delle proteine corporee può essere evitato o attenuato (51), e fornire le giuste quantità di proteine in una dieta fortemente ipocalorica è in grado di mantenere il bilancio azotato positivo (52). È interessante anche notare che durante la rialimentazione con l’obiettivo di mantenere il peso venendo da un periodo di dieta altamente ipocalorica (circa 500 kcal), un maggiore apporto proteico possa permettere di riacquistare meno peso, e solo guadagnando massa magra(3).

In altri casi è stato mostrato che a seguito di una perdita di peso da parte dei soggetti obesi, diete dal maggiore apporto proteico consentissero di mantenere più elevato il dispendio energetico basale e totale rispetto a diete isocaloriche con meno proteine (17, 48). Un altro dato interessante è che durante la restrizione energetica moderata (~35%), un apporto proteico al di sotto dei livelli minimi (inferiore a 0.8 g/kg), possa ostacolare e ridurre la perdita di peso rispetto ad un apporto iperproteico (43), e normoproteico (17). Infine, anche seguendo regimi ipercalorici, con un apporto proteico insufficiente la massa magra tende a ridursi in ogni caso (29), nonostante l’azione positiva delle calorie in eccesso sul bilancio azotato e sul risparmio proteico (28, 34, 35).

Semplificando questi concetti, a parità di apporto calorico in una dieta ipocalorica, è possibile prevenire o limitare fortemente la riduzione della massa magra e il declino del metabolismo basale fornendo più proteine alimentari rispetto ai fabbisogni minimi (>0.8 g/kg/d) in paragone ad una dieta isocalorica (dallo stesso apporto calorico) ma con una quantità di proteine alimentari insufficiente (≤ 0.8 g/kg). Anche nel contesto di una dieta per il mantenimento del peso venendo da un’importante perdita di peso, più proteine alimentari possono garantire un maggiore riacquisto di massa magra, un inferiore aumento del grasso corporeo, e un maggiore mantenimento del metabolismo basale e della spesa energetica. Questo a conferma che  “una caloria non è una caloria”  se si valutano le variazioni della composizione corporea e dell’attività metabolica in relazione a diete isocaloriche (parità di calorie) ma dalla diversa composizione.

L’influenza dell’attività fisica

Sotto un regime ipocalorico, l’attività fisica ha una significativa influenza sulle alterazioni della massa magra, e il tipo di attività fisica assume anch’esso un ruolo potenzialmente determinante. Il primo aspetto da considerare è l’impatto che esercita l’attività fisica sul bilancio calorico (4). In termini molto indicativi, un’ora di allenamento intenso può portare ad un dispendio di 400 kcal per l’attività con i pesi e 650 kcal per l’attività aerobica (53). In realtà queste stime sono parziali perché non tengono conto della spesa totale indotta dall’esercizio, la quale deve comprendere anche l’aumento del dispendio energetico post-allenamento (EPOC) (54).

Poiché l’esercizio con i pesi ha più volte documentato un aumento del ritmo metabolico e del dispendio energetico/lipidico post-esercizio sensibilmente maggiore e molto più rilevante rispetto all’aerobica (55, 56), le differenze nel dispendio calorico totale indotto da queste due attività, a parità di tempo speso, vengono minimizzate. Si potrebbe comunque riconoscere che l’attività fisica, praticata per circa un’ora, induca ad un dispendio calorico medio, molto indicativo, di circa 500 kcal. Se quindi un soggetto segue una dieta eucalorica (normocalorica) in concomitanza con l’attività fisica di durata moderata, il bilancio energetico risulta negativo, potenzialmente del 15-25%. In realtà è necessario considerare anche l’eventuale attività fisica non-sportiva (NEAT), che se molto elevata può rappresentare fino al 50% del dispendio energetico totale (57), incidendo notevolmente sul bilancio calorico. Comunque, nelle stime del fabbisogno calorico viene normalmente conteggiato anche l’impatto dell’attività fisica mediante il calcolo della spesa energetica totale giornaliera (TDEE) del soggetto, pertanto, se ciò avviene, la sua influenza sul bilancio calorico viene ignorata.

L’esercizio aerobico non ha propriamente un effetto ipertrofico a livello strutturale, in quanto è possibile osservare un aumento del volume muscolare, ma non un aumento della struttura proteica o delle proteine miofibrillari (58). L’esercizio di endurance infatti promuove soprattutto la sintesi proteica di mitocondri ed enzimi, piuttosto che di proteine contrattili (59). Ad esempio, negli atleti di endurance l’ipertrofia muscolare non si verifica ad un grado significativo, ma al massimo di manifesta debolmente e selettivamente nelle fibre di tipo 1, spesso con un decremento delle fibre di tipo 2 (60).

Il tradizionale esercizio aerobico in un programma alimentare ipocalorico per la perdita di peso ha spesso dimostrato di ridurre la massa magra (12, 61, 62) e il metabolismo basale (sotto l’aspetto cronico) (12, 63); per questo potrebbero essere più consigliati protocolli anaerobici come l’allenamento contro resistenza (pesi) o di l’High Intensity Interval Training (HIIT). È stato proposto che il relativo mantenimento della massa magra in un programma aerobico e dieta ipocalorica sia dovuto ad un maggiore mantenimento di acqua, potassio e glicogeno rispetto alla composizione media della massa magra (12). In altre parole, sotto regime ipocalorico il mantenimento della massa magra dovuto all’aerobica può essere semplicemente causa di una maggiore ritenzione di liquidi, e non in un mantenimento del tessuto proteico. Ciò spiegherebbe perché in questi casi il metabolismo basale può declinare anche in presenza di un mantenimento della FFM.

L’esercizio con i pesi, diversamente dall’attività aerobica, è stato proposto come metodo per la crescita, il mantenimento, o l’attenuazione della perdita di massa magra (64). L’esercizio con sovraccarichi ha un impatto sensibilmente maggiore nel promuovere la sintesi proteica delle miofibrille, cioè della struttura proteica contrattile (59). In virtù della sua capacità di influenzare positivamente il muscolo scheletrico, l’esercizio con i pesi è stato anche suggerito per gli atleti di endurance o di altri sport per preservare la massa magra (65).

Questo metodo di allenamento, sotto regime (anche fortemente) ipocalorico ha effettivamente dimostrato il potenziale di mantenere o aumentare la massa magra, e mantenere il metabolismo basale (22, 61, 66, 67). Tuttavia, anche in questo caso gli eventuali aumenti della massa magra potrebbero essere dovuti al semplice aumento della ritenzione di acqua corporea. Infatti non tutti gli studi mostrano che i pesi riescano a mantenere l’RMR sotto regime ipocalorico, pur attenuando la perdita di massa magra (68).

Queste divergenze tra i vari risultati sono dovute a differenti condizioni di studio, ma pare essere accettato che i pesi esercitino generalmente un effetto piuttosto positivo sul mantenimento della FFM e del RMR. A maggior ragione questo trova una coerenza con il fatto che l’aerobica non stimola l’aumento delle miofibrille al contrario dei pesi (58, 59). La differente influenza dei pesi o dell’aerobica sulle variazioni della FFM e del RMR nella dieta ipocalorica è dibattuta in letteratura (61, 69), tuttavia l’esercizio con i pesi sembra essere risultato più spesso una strategia superiore all’aerobica per mantenere la massa magra e il metabolismo basale in queste condizioni (7, 61, 65).

È importante sottolineare che le variazioni della composizione corporea indotte dall’attività fisica sono altamente condizionate dal regime alimentare. Pertanto, laddove con una certa attività fisica un regime alimentare inadeguato può causare una perdita di massa magra/muscolo scheletrico, con un regime alimentare ben calibrato, la stessa attività possa consentire un risparmio o un aumento di questa componente (4).

Per quanto attività aerobica e pesi (anaerobico) possano indurre dei segnali cellulari opposti in grado di promuovere rispettivamente il catabolismo e l’anabolismo (70), queste capacità risultano semplicemente intrinseche, ma vengono altamente condizionate dall’alimentazione. Esattamente come accade in assenza di attività fisica, dove la sola alimentazione può alterare sensibilmente e differentemente la variazione dei distretti corporei (a parità di calorie) (17, 29), anche nel contesto sportivo il regime alimentare riesce ad influire in maniera decisiva su queste variazioni al di là dello stimolo intrinseco indotto dalla specifica forma di attività sportiva. I principali fattori condizionanti sono stati trattati in questo articolo.

Riferimenti:

1. Phillips SM, Zemel MB. Effect of protein, dairy components and energy balance in optimizing body composition. Nestle Nutr Inst Workshop Ser. 2011;69:97-108

2. Marks BL, Rippe JM. The importance of fat free mass maintenance in weight loss programmes. Sports Med. 1996 Nov;22(5):273-81.

3. Westerterp-Plantenga et al. High protein intake sustains weight maintenance after body weight loss in humans. Int J Obes Relat Metab Disord. 2004 Jan;28(1):57-64.

4. Carbone et al. Skeletal muscle responses to negative energy balance: effects of dietary protein. Adv Nutr. 2012 Mar 1;3(2):119-26.

5. Wolfe RR. The underappreciated role of muscle in health and disease. Am J Clin Nutr. 2006 Sep;84(3):475-82.

6. Stein et al. Effect of reduced dietary intake on energy expenditure, protein turnover, and glucose cycling in man. Metabolism. 1991;40:478–83.

7. Alexander JL. The role of resistance exercise in weight loss. Strength Cond J, 24:65-69. 2002.

8. Bosy-Westphal et al. Issues in characterizing resting energy expenditure in obesity and after weight loss. Front Physiol. 2013 Mar 25;4:47

9. McClave SA, Snider HL. Dissecting the energy needs of the body. Curr Opin Clin Nutr Metab Care. (2001) 4(2):143-7.

10. Râdegran et al. Peak muscle perfusion and oxygen uptake in humans: importance of precise estimates of muscle mass. J Appl Physiol (1985). 1999 Dec;87(6):2375-80.

11. Schoenfeld et al. The effect of protein timing on muscle strength and hypertrophy: a meta-analysis. J Int Soc Sports Nutr. 2013 Dec 3;10(1):53.

12. Garrow JS, Summerbell CD. Meta-analysis: effect of exercise, with or without dieting, on the body composition of overweight subjects. Eur J Clin Nutr. 1995 Jan;49(1):1-10.

13. Schoeller DA. The energy balance equation: looking back and looking forward are two very different views. Nutr Rev. 2009 May;67(5):249-54.

14. Hall et al. Energy balance and its components: implications for body weight regulation. Am J Clin Nutr. 2012 Apr;95(4):989-94.

15. Westerterp-Plantenga MS. The significance of protein in food intake and body weight regulation. Curr Opin Clin Nutr Metab Care. 2003 Nov;6(6):635-8.

16. Halton TL, Hu FB. The effects of high protein diets on thermogenesis, satiety and weight loss: a critical review. J Am Coll Nutr. 2004 Oct;23(5):373-85.

17. Soenen et al. Normal protein intake is required for body weight loss and weight maintenance, and elevated protein intake for additional preservation of resting energy expenditure and fat free mass. J Nutr. 2013 May;143(5):591-6.

18. Pasiakos et al. Effects of high-protein diets on fat-free mass and muscle protein synthesis following weight loss: a randomized controlled trial. FASEB J. 2013 Sep;27(9):3837-47.

19. Bistran et al. Effect of a protein-sparing diet and brief fast on nitrogen metabolism in mildly obese subjects. J Lab Clin Med. 1977 May;89(5):1030-5.

20. Walters et al. The protein-sparing modified fast for obesity-related medical problems. Cleve Clin J Med. 1997 May;64(5):242-4.

21. Layman DK. Protein quantity and quality at levels above the RDA improves adult weight loss. J Am Coll Nutr. 2004 Dec;23(6 Suppl):631S-636S.

22. Ryan et al. Resistive training increases fat-free mass and maintains RMR despite weight loss in postmenopausal women. J Appl Physiol (1985). 1995 Sep;79(3):818-23.

23. Donnelly et al. Muscle hypertrophy with large-scale weight loss and resistance training. Am J Clin Nutr. 1993 Oct;58(4):561-5.

24. Weinheimer et al. A systematic review of the separate and combined effects of energy restriction and exercise on fat-free mass in middle-aged and older adults: implications for sarcopenic obesity. Nutr Rev. 2010;68:375–88.

25. Forbes GB, Welle SL. Lean body mass in obesity. Int J Obes. 1983;7(2):99-107.

26. Forbes et al. Hormonal response to overfeeding. Am J Clin Nutr. 1989 Apr;49(4):608-11.

27. Jebb et al. Changes in macronutrient balance during over- and underfeeding assessed by 12-d continuous whole-body calorimetry. Am J Clin Nutr. 1996 Sep;64(3):259-66.

28. Oddoye EA, Margen S. Nitrogen balance studies in humans: long-term effect of high nitrogen intake on nitrogen accretion. J Nutr. 1979 Mar;109(3):363-77.

29. Bray et al. Effect of dietary protein content on weight gain, energy expenditure, and body composition during overeating: a randomized controlled trial. JAMA. 2012 Jan 4;307(1):47-55.

30. Drenick et al. Prolonged starvation as treatment for severe obesity. JAMA 1964; 87: 100–5.

31. Yang MU, van Itallie TB. Variability in body protein loss during protracted, severe caloric restriction: role of triiodothyronine and other possible determinants. Am J Clin Nutr. 1984 Sep;40(3):611-22.

32. Forbes GB. Body fat content influences the body composition response to nutrition and exercise. Ann N Y Acad Sci. 2000 May;904:359-65.

33. Saltzman E, Roberts SB. The role of energy expenditure in energy regulation: findings from a decade of research. Nutr Rev 1995;53:209–20.

34. Chiang AN, Huang PC. Excess energy and nitrogen balance at protein intakes above the requirement level in young men. Am J Clin Nutr. 1988 Oct;48(4):1015-22.

35. Millward DJ. Macronutrient intakes as determinants of dietary protein and amino acid adequacy. J Nutr. 2004 Jun;134(6 Suppl):1588S-1596S.

36. Richardson et al. Quantitative effect of an isoenergetic exchange of fat for carbohydrate on dietary protein utilization in healthy young men. Am J Clin Nutr. 1979 Nov;32(11):2217-26.

37. Draznin et al. Effect of dietary macronutrient composition on AMPK and SIRT1 expression and activity in human skeletal muscle. Horm Metab Res. 2012 Sep;44(9):650-5.

38. Owen et al. Protein, fat, and carbohydrate requirements during starvation: anaplerosis and cataplerosis. Am J Clin Nutr. 1998 Jul;68(1):12-34.

39. Sparti et al. Relationship between resting metabolic rate and the composition of the fat-free mass. Metabolism 1997; 46: 1225–1230.

40. Richardson et al. Quantitative effect of an isoenergetic exchange of fat for carbohydrate on dietary protein utilization in healthy young men. Am J Clin Nutr. 1979 Nov;32(11):2217-26.

41. Wadden et al. Long-term effects of dieting on resting metabolic rate in obese outpatients. JAMA. 1990 Aug 8;264(6):707-11.

42. Wilmore JH. Increasing physical activity: alterations in body mass and composition. Am J Clin Nutr. 1996 Mar;63(3 Suppl):456S-460S.

43. Skov et al. Randomized trial on protein vs carbohydrate in ad libitum fat reduced diet for the treatment of obesity. Int J Obes Relat Metab Disord. 1999 May;23(5):528-36.

44. Calloway DH. Nitrogen balance of men with marginal intakes of protein and energy. J Nutr. 1975;105:914–23.

45. Mansell et al. Enhanced thermogenic response to epinephrine after 48-h starvation in humans. Am J Physiol. 1990 Jan;258(1 Pt 2):R87-93.

46. Zauner et al. Resting energy expenditure in short-term starvation is increased as a result of an increase in serum norepinephrine. Am J Clin Nutr. 2000 Jun;71(6):1511-5.

47. Varady KA. Intermittent versus daily calorie restriction: which diet regimen is more effective for weight loss?. Obes Rev. 2011 Jul;12(7):e593-601.

48. Ebbeling et al. Effects of dietary composition on energy expenditure during weight-loss maintenance. JAMA. 2012 Jun 27;307(24):2627-34.

49. Phillips SM, Winett RA. Uncomplicated resistance training and health-related outcomes: evidence for a public health mandate. Curr Sports Med Rep. 2010 Jul-Aug;9(4):208-13.

50. Whitehead et al. The effect of protein intake on 24-h energy expenditure during energy restriction. Int J Obes Relat Metab Disord. 1996 Aug;20(8):727-32.

51. Cahill G. Starvation. Trans Am Clin Climatol Assoc. 1982. 94: 1-21.

52. Bell et al. Ketosis, weight loss, uric acid, and nitrogen balance in obese women fed single nutrients at low caloric levels. Metabolism. 1969 Mar;18(3):193-208.

53. ACSM. ACSM’s Resource Manual for Guidelines for Exercise Testing and Prescription. Lippincott Williams & Wilkins

54. Binzen et al. Postexercise oxygen consumption and substrate use after resistance exercise in women. Med Sci Sports Exerc. 2001 Jun;33(6):932-8.

55. Elliot et al. Does aerobic conditioning cause a sustained increase in the metabolic rate?. Am J Med Sci. 1988 Oct;296(4):249-51.

56. Gillette et al. Postexercise energy expenditure in response to acute aerobic or resistive exercise. Int J Sport Nutr. 1994 Dec;4(4):347-60.

57. Levine et al. Nonexercise activity thermogenesis (NEAT): environment and biology. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 2006 Apr;26(4):729-36. Epub 2006 Jan 26.

58. Harber et al. Aerobic exercise training induces skeletal muscle hypertrophy and age-dependent adaptations in myofiber function in young and older men. J Appl Physiol (1985). 2012 Nov;113(9):1495-504.

59. Tipton KD, Wolfe RR. Protein and amino acids for athletes. J Sports Sci. 2004 Jan;22(1):65-79.

60. Edström L, Ekblom B. Differences in sizes of red and white muscle fibres in vastus lateralis of musculus quadriceps femoris of normal individuals and athletes. Relation to physical performance. Scand J Clin Lab Invest. 1972 Oct;30(2):175-81.

61. Hunter et al. Resistance training conserves fat-free mass and resting energy expenditure following weight loss. Obesity (Silver Spring). 2008 May;16(5):1045-51.

62. Okura et al. Effects of exercise intensity on physical fitness and risk factors for coronary heart disease. Obes Res. 2003 Sep;11(9):1131-9.

63. Hill et al. Effects of exercise and food restriction on body composition and metabolic rate in obese women. Am J Clin Nutr. 1987 Oct;46(4):622-30.

64. Phillips SM, Winett RA. Uncomplicated resistance training and health-related outcomes: evidence for a public health mandate. Curr Sports Med Rep. 2010 Jul-Aug;9(4):208-13.

65. Fry. The role of resistance exercise intensity on muscle fibre adaptations. Sports Med. 2004;34(10):663-79.

66. Bryner et al. Effects of resistance vs. aerobic training combined with an 800 calorie liquid diet on lean body mass and resting metabolic rate. J Am Coll Nutr. 1999 Apr;18(2):115-21.

67. Ballor et al. Resistance weight training during caloric restriction enhances lean body weight maintenance. Am J Clin Nutr. 1988 Jan;47(1):19-25.

68. Geliebter et al. Effects of strength or aerobic training on body composition, resting metabolic rate, and peak oxygen consumption in obese dieting subjects. Am J Clin Nutr. 1997 Sep;66(3):557-63.

69. Marks et al. Fat-free mass is maintained in women following a moderate diet and exercise program. Med Sci Sports Exerc. 1995 Sep;27(9):1243-51.

70. Atherton et al. Selective activation of AMPK-PGC-1alpha or PKB-TSC2-mTOR signaling can explain specific adaptive responses to endurance or resistance training-like electrical muscle stimulation. FASEB J. 2005; 19(7):786-8.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

13 − cinque =