Cherry picking e bias di conferma
 
 

Nell’articolo principale su bias cognitivi e fallacie logiche spiegavo che esistono diversi casi in cui per una fallacia esiste un bias corrispettivo o dal significato molto simile.

Forse la corrispondenza tra cherry picking e bias di conferma rappresenta uno dei casi più emblematici a riguardo; non è un caso che alcuni autori li descrivono come sinonimi (1,2), e altri descrivono il cherry picking come un bias (3).

  • Il cherry picking (raccogliere ciliegie) è una fallacia logica estremamente comune che consiste nel selezionare o presentare dati che supportano la propria posizione, ignorando o sminuendo i dati che contraddirebbero tale posizione.
  • Il bias di conferma (confirmation bias) si definisce in maniera del tutto simile, consiste cioè nel ricercare, selezionare e interpretare informazioni in modo da porre maggiore attenzione a quelle che confermano le proprie posizioni, e ignorare o sminuire informazioni che le contraddicono.

Differenze tra cherry picking e bias di conferma

La differenza tra i due sarebbe da ritrovare a livello cognitivo e inconscio. Il cherry picking potrebbe essere semplicemente descritto come l’atto, spesso deliberato, di presentare un’argomentazione basata su una selezione o un’interpretazione parziale di informazioni, dove si mettono in risalto quelle che supportano la propria posizione e si omettono quelle che la contraddicono.

Il bias di conferma invece, proprio per il fatto di essere un bias cognitivo, tenderebbe a riferirsi più alle credenze radicate e alla percezione distorta nell’interpretazione delle informazioni a livello inconscio.

Dato però che dal punto di vista argomentativo il risultato finale è il medesimo e le differenze concettuali sono molto sottili, è comprensibile che essi siano ritenuti in genere sinonimi e usati in maniera interscambiabile.

Vai all’articolo principale su bias cognitivi e fallacie logiche.

Riferimenti:

  1. Collins S. Neuroscience for Learning and Development: How to Apply Neuroscience and Psychology for Improved Learning and Training. Kogan Page Publishers, 2015. pp 41.
  2. Gates C. What Was I Thinking? Xlibris Corporation, 2014. pp. 245.
  3. Nielsen L. Pop goes the woozle: Being misled by research on child custody and parenting plans. J Div Remarriage. 2015 56:595–633.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

18 − 13 =