Haney shrugs: analisi critica
 
 

Gli Haney shrugs (scrollate alla Haney) o shrug row sono una variante delle scrollate popolarizzata dall’ex-Mr. Olympia statunitense Lee Haney negli anni ‘80.

Gli Haney shrugs appaiono come un classico “bro-esercizio” del bodybuilding, in questo caso una sorta di storpiatura delle classiche scrollate dedicate al trapezio superiore, con delle peculiarità che saranno analizzate nell’articolo.

Esecuzione

L’esercizio consiste nel mantenere un bilanciere dietro al corpo, con un’impugnatura leggermente più ampia delle spalle e una presa prona (palmi verso dietro).

Durante la fase concentrica si esegue una trazione verso l’alto scrollando le spalle; vale a dire che non viene eseguita solo una scrollata, ma bisogna focalizzarsi sul portare i gomiti più in alto possibile permettendo l’accorciamento concomitante del trapezio superiore e del deltoide posteriore. Nella fase eccentrica si ritornano a distendere le braccia dietro al corpo (1).

L’esercizio viene spesso scambiato con le scrollate con bilanciere mantenute dietro al corpo. La fondamentale differenza è che negli Haney shrugs i gomiti si piegano rendendo il movimento una trazione (multi-articolare), mentre nelle scrollate “dietro” le braccia rimangono distese prevedendo solo il movimento di scrollata delle spalle (mono-articolare). Un altro errore frequente è quello di flettere solo leggermente i gomiti durante la fase concentrica, quando uno dei “cues” principali è proprio portare i gomiti più in alto possibile, secondo quanto permesso dalla mobilità del soggetto.

Cenni anatomici

Il movimento previsto dalle scrollate alla Haney è, dal punto di vista dell’arto superiore una trazione (appunto shrug row), dal punto di vista della spalla (gleno-omerale) un’iperestensione, mentre dal punto di vista della scapola (scapolo-toracica) la combinazione tra elevazione e tilt anteriore. 

Poiché i muscoli flessori del gomito hanno un ruolo perlopiù passivo, parziale e al massimo debole, i rispettivi muscoli motori su cui è necessario focalizzarsi sono quelli che accorciandosi ruotano le articolazioni gleno-omerale e scapolo-toracica.

Se vuoi leggere l'intero articolo abbonati adesso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattordici − sette =