Posteroversione del bacino e flessione toracica nelle estensioni d’anca: perché?

Sono ormai diversi anni che il coach Bret Contreras ha iniziato a proporre una particolare meccanica negli esercizi di estensione dell’anca, ma non sempre sono chiari tutti i perché di questa proposta.

La meccanica comporta fondamentalmente due movimenti del bacino e della colonna in sinergia, soprattutto negli ultimi gradi di estensione d’anca: tilt pelvico posteriore e flessione toraco-cervicale.

Questa è stata proposta nei vari movimenti che comportano l’estensione dell’anca, come gli hip hinge (stacchi), l’hip extension (HPX specifico per glutei e ischiocrurali) e l’hip thrust. Nell’articolo verranno approfonditi i vari motivi per capire quando è meglio applicare questa meccanica nei movimenti anca-dominanti.

Tilt pelvico posteriore

Il tilt pelvico posteriore (PPT) viene suggerito per diversi scopi. 

Se vuoi leggere l'intero articolo abbonati adesso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × uno =