Inflessibilità metabolica “inversa”: una prospettiva alternativa sull’efficienza metabolica

La flessibilità metabolica di solito viene riferita alla facilità o all’efficienza con cui il metabolismo energetico passa dall’ossidazione dei carboidrati all’ossidazione dei grassi. Quando viene compromessa l’abilità di ossidare i grassi si parla di inflessibilità metabolica, uno stato che si può osservare nell’obesità, nel diabete o in altre malattie metaboliche (1).

Un modo spesso proposto per migliorare lo stato di inflessibilità metabolica è quello di ridurre i carboidrati nella dieta, in maniera da forzare il metabolismo energetico ad affidarsi ai grassi a scapito del glucosio, ma è necessario valutare cosa dicono le evidenze scientifiche a riguardo.

Ad ogni modo, la definizione di inflessibilità metabolica come sopra esposta è in realtà parziale, perché il concetto può essere esteso anche alla condizione diametralmente opposta, e nell’articolo vedremo in quali casi può essere riscontrata.

Diete ipoglucidiche-iperlipidiche (LCHF) e flessibilità metabolica

Dato che la comune definizione di inflessibilità metabolica è la difficoltà a ossidare i grassi (1), si potrebbe dare per scontato che una dieta low carb sia superiore per migliorare questo parametro.

Ciò è legato al fatto che la restrizione dei carboidrati aumenta inevitabilmente il tasso di ossidazione dei grassi, e dal punto di vista fisiologico ciò forza il metabolismo a fare più affidamento su questo substrato a scapito del glucosio

Se vuoi leggere l'intero articolo abbonati adesso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

15 − quattordici =