Come rendere più facile mangiare di più
 

Ciao Lorenzo, volevo sapere se potessi parlare un po’ anche delle e alle persone, a mio parere tantissime, che al contrario di chi ha sempre la fame addosso faticano a ingerire considerevoli quantità di cibo. Se volessimo fare una sorta di lista di alimenti densi che potrebbero aiutare le persone che faticano a mangiare tanto in termini calorici, sai darmi qualche riferimento? Partirei da una normocalorica con alimenti densi per prendere il ritmo e mangiare sgombro psicologicamente, poi piano piano “convertirei” qualche alimento migliorando le fonti. Potrebbe essere un approccio decente?

La fatica a mangiare a sufficienza potrebbe essere dovuta a tanti fattori sul quale non mi dilungo, ma che in definitiva possono essere la causa di una tendenza al “ectomorfismo”. Bisogna tenere in considerazione che la regolazione dell’appetito indotta dalla dieta, al di là dell’apporto calorico di per sé, dipende molto da:

1) il rapporto di macronutrienti;
2) la densità calorica dei cibi selezionati (che dipende molto dal contenuto di acqua e di grassi);
3) la palatabilità dei cibi selezionati (la gratificazione che danno, che dipende molto dalla densità calorica);
4) la consistenza dei cibi selezionati (liquido, solido, semi-solido, che a sua volta incide sulla palatabilità);

Ci sono sicuramente altri fattori ma questi sono quelli che per me vanno presi principalmente in considerazione. Di questo parlerò molto approfonditamente nel mio libro, ma ne ho già parlato in parte anche in alcuni miei articoli come questo e questo.

  1. Per quanto riguarda il punto 1, in letteratura è ben stabilito che l’effetto dei macros sulla sazietà ha una gerarchia proteine > carboidrati > grassi. Se ragioni “a parità di apporto calorico”, ciò significa che sei più facilitato ad assumere calorie se assumi un po’ meno proteine (nei range suggeriti per chi fa pesi), e sicuramente mantieni un rapporto fat/CHO più sbilanciato sui grassi.
  2. Il punto 2 è fondamentale, quindi devi selezionare alimenti che hanno generalmente una densità calorica più alta per fare si che a parità di massa assumi più calorie (come amidi secchi e generalmente raffinati o cibi grassi).
  3. e 4. Il punto 3 e 4 stanno nel selezionare cibi più gratificanti e che è più facile mangiare in quantità, e questo dipende: a) dalla densità calorica sopra trattata, b) dalla consistenza (liquidi o semi-solidi sono più facili da “buttare giù”) e c) dal contenuto di sale, zucchero, glutammato monosodico e grassi: più i cibi sono saporiti e grassi, più sono facili da mangiare in quantità dal punto di vista calorico.

Naturalmente tutto questo va fatto rientrare nel conteggio delle calorie e dei macros prestabiliti. Come puoi notare, i punti 2, 3 e 4 ci farebbero optare per molti cibi che vengono riconosciuti come “spazzatura”, anche se in molti casi lo sono arbitrariamente. Infatti come spiegavo in un mio articolo, “…non per forza un’alta densità energetica rende un cibo di bassa qualità, e non per forza una bassa densità energetica lo rende di alta qualità. Così come non necessariamente la raffinazione dei cibi ne riduce la qualità nutrizionale anche se ne aumenta la densità calorica (3).” Comunque, in pratica è tutto il contrario di quello che si suggerisce quando si fa educazione alimentare per chi deve perdere o mantenere il peso.

Un ultimo suggerimento che posso darti è consultare i punteggi dell’indice di sazietà e del fullness factor che avevo riportato nei miei vecchi articoli su Wikipedia: qui la tabella dell’indice di sazietà, qui quella del fullness factor. Nonostante questi parametri abbiano i loro limiti, possono aiutarti a selezionare i cibi che saziano meno, e che quindi puoi assumere più facilmente in maggiore quantità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre × quattro =